CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti


Benvenuti nel portale della Città di Castelfranco Emilia



ADIDAS uomo sautopette da calcio Copa 19.3 SG Comune di Castelfranco Emilia - piazza della Vittoria 8 - 41013 Castelfranco Emilia (MO) - Call Center 059 959 211
Benvenuto nel nel portale della Città di Castelfranco Emilia - clicca per andare alla home page
VARIVAS SILKY TOUCH X 8 PE LINE AVANI SEA BASS MAX energia 150m
Briko - Tuta Ciclismo SUPERLEGGERO XL PcalienteO per uomo e donna
Spooks Emma Hat navy AW 18 19
Daiwa CERTATE 3012 Rapala RAPINOVA-X MULTI-gioco PE LINE REEL combo
PUMA Pantaloni Lunghi LEGA Training Pants Pro 655313
Alimentatore Pesce Jig Pesca muffa 10-15-20g _ Shore, barca e tutti i Pesca Prossoator

CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti

Madison Flo donna IMPERMEABILE MTB MOUNTAIN BIKE CICLO CICLISMO PANTALONCINI

PESCE Testa Jig muffa 18 G 20 G 30 G 35 G PESCA Stampo PIOMBO

 

Prima di decidere se il mafioso abbia diritto a “una morte dignitosa” o realizzare strane alleanze o connivenze politiche, invito nuovamente a leggere la confessione dell’omicida del piccolo Di Matteo, Vincenzo Chiodo, nell’udienza del 28 luglio 1998 (lettura non adatta ai bambini):

“Io ho detto al bambino di mettersi in un angolo, cioè vicino al letto, quasi ai piedi del letto, con le braccia alzate e con la faccia al muro. Allora il bambino, per come io ho detto, si è messo faccia al muro. Io ci sono andato da dietro e ci ho messo la corda al collo. Tirandolo con uno sbalzo forte, me lo sono tirato indietro e l’ho appoggiato a terra. Enzo Brusca si è messo sopra le braccia inchiodandolo in questa maniera (incrocia le braccia) e Monticciolo si è messo sulle gambe del bambino per evitare che si muoveva. Nel momento della aggressione che io ho buttato il bambino e Monticciolo si stava già avviando per tenere le gambe, gli dice ‘mi dispiace’ rivolto al bambino ‘tuo papà ha fatto il cornuto’ (…) il bambino non ha capito niente, perché non se l’aspettava, non si aspettava niente e poi il bambino ormai non era… come voglio dire, non aveva la reazione di un bambino, sembrava molle… anche se non ci mancava mangiare, non ci mancava niente, ma sicuramente la mancanza di libertà, il bambino diciamo era molto molle, era tenero, sembrava fatto di burro… cioè questo, il bambino penso non ha capito niente. Sto morendo, penso non l’abbia neanche capito. Il bambino ha fatto solo uno sbalzo di reazione, uno solo e lento, ha fatto solo questo e non si è mosso più, solo gli occhi, cioè girava gli occhi. (…) io ho spogliato il bambino e il bambino era urinato e si era fatto anche addosso dalla paura di quello ce abbia potuto capire o è un fatto naturale perché è gonfiato il bambino. Dopo averlo spogliato, ci abbiamo tolto, aveva un orologio da polso e tutto, abbiamo versato l’acido nel fusto e abbiamo preso il bambino. Io ho preso il bambino. Io l’ho preso per i piedi e Monticciolo e Brusca l’hanno preso per un braccio l’uno così l’abbiamo messo nell’acido e ce ne siamo andati sopra. (…) io ci sono andato giù, sono andato a vedere lì e del bambino c’era solo un pezzo di gamba e una parte della schiena, perché io ho cercato di mescolare e ho visto che c’era solo un pezzo di gamba… e una parte… però era un attimo perché sono andato… uscito perché lì dentro la puzza dell’acido era… cioè si soffocava lì dentro. Poi siamo andati tutti a dormire. (Atti del processo tratti da “al posto sbagliato, storie di bambini vittime di mafia).”

Di Lucia Vincenti

Pubblicato su Facebook

BUY A DAIWA OPUS PLUS SPINNING REEL e GET IT SPOOLED FOR gratuito

6 Giugno 2017 – Mountain Bike Helmets Men Cycling MTB Magnetic Goggles Helmet

* * * * * * * * * *

Per chi volesse aderire, è stata lanciata questa petizione: “Totò Riina deve rimanere in carcere – NO alla morte dignitosa

 

Annunci
nuovo Balance Da Donna in transito mezza zip
Condizione:
Nuovo: Oggetto nuovo, non usato, non aperto, non danneggiato, nella confezione originale (ove la confezione ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: MET
Taglia: M MPN: Non applicabile
CASCO BICI strada MET INFERNO

CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti

BIMBI

In questo breve video si vedono i bambini feriti a Rashdeen, attentato causato dai nostri “ribelli Siriani” e come da prassi ignorato dai grandi media. Ricordo che i terroristi hanno lanciato per terra delle patatine, e i bambini sono accorsi in massa. E’ stata una strage, ma come se non bastasse i nostri ribelli hanno impedito alle ambulanze di prestare soccorso… il motivo? 200 persone (la cui maggioranza sono bambini) spariti nel nulla. Si pensa che i piccoli (feriti e non) siano finiti in Turchia. Nel video alcuni dei bambini feriti caricati su uno dei pickup dei terroristi. I media tacciono, i nostri governi anche…. Ormai non è più possibile addossare la colpa ad Assad!

KED Casco Casco bicicletta RADHELM Kailu-div. formati Coloreeei

CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti

Per rendere onore alla memoria di Vittorio Arrigoni è importante sottolineare che si tratta principalmente della storia di un uomo. Sarebbe abbastanza inutile elencare le sue esperienze di cooperazione umanitaria, le  vicende che lo hanno posto al centro della cronaca giornalistica dei primi anni duemila si trovano ovunque, quello che è più complesso da analizzare è il ruolo forte che riuscì a costruirsi nel panorama della verità raccontata con crudo realismo sulle vicende della striscia di Gaza e quanto queste abbiano tormentato la sua esistenza di reporter, di scrittore e di uomo già prima del rapimento e dell’omicidio di cui fu vittima. Le fonti saranno fondamentali per una comprensione piena e vera di quanto “Vik” come si firmava e come voleva essere chiamato, abbia seminato e raccolto prima di tutto umanamente e poi anche storicamente con il semplice utilizzo del suo coraggio e della forza della verità. Sul suo blog Ascendeur Main Escalade Bloquer Ascendant Descente Rappeling Alpinisme si legge nell’intestazione: “Guerriglia alla prigionia dell’Informazione. Contro la corruzione dell’industria mediatica, il bigottismo dei ceti medi, l’imperdonabile assopimento della coscienza civile. La brama di Verità prima di ogni anelito, l’abrasiva denuncia, verso la dissoluzione di ogni soluzione precostituita, L’infanticidio di ogni certezza indotta. La polvere nera della coercizione entro le narici di una crisi di rigetto. L’abbuffata di un pasto nudo, crudo amaro quanto basta per non poter esser digerito.” Un nitido anticonformismo volto a scardinare la prassi comunicativa dei mezzi di comunicazione tradizionali, afferenti al pensiero unico e vittime della logica per cui l’equilibrio delle parti la fa sempre da padrone rispetto la volontà di sapere la verità. Se si dovesse scegliere un personaggio della storia delle letteratura per accostarlo ad Arrigoni, questi potrebbe essere Don Chisciotte. Con la stessa lucida follia la sua vita è stata un eterno scagliarsi addosso ai mulini a vento del conformismo, dell’asservimento e del pensiero totalizzante di chi raccontava una storia non vera, facendolo dal fronte,sul posto, accostandosi quotidianamente alla tragedia e alla morte, così vicino da essere risucchiato egli stesso. Come Don Chisciotte, Arrigoni operò il tentativo folle di rendere la realtà quanto più possibile simile ai suoi sogni più profondi, al suo desiderio di giustizia e alla sua conclamata umanità. Scrive Ramzy Baroud (www.ramzybaroud.net) giornalista internazionale e direttore di PalestineChronicle.com: “Scrivendo sul Guardian UK da Roma, il 15 aprile, John Hooper asseriva: “La vita di Arrigoni era tutt’altro che sicura. Nel settembre 2008 fu ferito (dalle truppe israeliane) mentre accompagnava pescatori palestinesi in mare. Due anni fa ricevette minacce di morte tramite un sito web di estrema destra americano, che forniva agli aspiranti assassini una sua foto e alcuni dettagli fisici, come un tatuaggio sulla spalla”. (Il sito è http://stoptheism.com/). E ancora: “Oltre al dolore, l’omicidio ha portato la disperazione a Gaza”, si legge in un editoriale del giornale inglese The Independent del 16 aprile. “Non solo Arrigoni era molto conosciuto e amato, ma non è sfuggito a nessuno che il suo sequestro è stato il primo dopo quello del giornalista della BBC Alan Johnson nel 2007.” Una vita spesa per la difesa e la promozione dei diritti umani ma una vita donata, nel vero senso della parola, alla causa della Palestina. Una persona evidentemente convinta che le opere avessero un valore maggiore rispetto ad altri atti caritatevoli ma meno incisivi sul piano della realtà. Documenti, filmati, articoli, blog, qualunque strumento potesse essere utile alla promozione dei suoi ideali, Arrigoni lo utilizzava e non sono in pochi, tra tutti Amos Oz, ad aver avvertito “Vik” della possibilità concreta che la sua attività stesse risultando scomoda a molti. La polemica con Saviano, poi, balzò alle cronache anche per la verve con la quale Arrigoni criticò un personaggio apparentemente intoccabile, un dibattito lungo sull’operazione “piombo fuso” che permise ad Arrigoni di farci conoscere molto meglio tanti lati di una storia che sino ad allora appariva torbida, raccontata in modo interessato o più semplicemente mal raccontata. Scrive Arrigoni: “Ci sono terribili catastrofi naturali inevitabili a questo mondo, come i terremoti e gli uragani. A Gaza è in corso una catastrofe umanitaria innaturale perpetrata da Israele ai danni di un popolo che vorrebbe ridotto alla più completa miseria e sottomissione. Una popolazione disperata che non trova più il latte e il pane per nutrire i suoi figli. Che non piange neanche più i suoi lutti perchè anche agli occhi è stata imposta una dieta ferrea. Il mondo intero non può ignorare questa tragedia e, se lo fa, non includeteci in questo mondo”. La sua capacità narrativa è cruda, tragicamente diretta ad infondere nel lettore tutte le sensazioni che possono essere provate ad aver scelto di essere partecipi di una enorme sofferenza umana: “Avete presente Gaza? Ogni casa è arroccata sull’altra, ciascun edificio è posato sull’altro. Gaza è il posto al mondo a più alta densità abitativa, per cui se bombardi a diecimila metri di altezza è inevitabile che tu faccia una strage di civili. Ne sei cosciente e colpevole, non si tratta di errore, di danni collaterali. Così bombardando la caserma di polizia di Al Abbas, in pieno centro, è rimasta coinvolta nelle esplosioni anche la scuola elementare lì a fianco. Era la fine delle lezioni e i bambini erano già in strada, decine di grembiulini azzurri svolazzanti si sono macchiati di sangue. Durante l’attacco alla scuola di polizia Dair Al Balah, si sono registrati morti e feriti nel suq vicino, il mercato centrale di Gaza. Abbiamo visto corpi di animali e di uomini mescolare il loro sangue in rivoli che scorrevano lungo l’asfalto. Una Guernica fuoriuscita dalla tela per trasfigurarsi nella realtà.” L’attualità della questione dei diritti umani a Gaza è stata violentemente rimessa al centro del dibattito internazionale in questi mesi ed è soprattutto per questo che le figure come quella di Vittorio Arrigoni non devono essere buttate nel dimenticatoio ma raccontate con costanza in modo da porre l’accento su quanti come lui possano servire da esempio ai tanti che si occupano attivamente o passivamente della difesa delle popolazioni inerme di Gaza. “Vik”, per essere chiari, si è schierato apertamente, durante la propria permanenza in Palestina, sia contro la politica di Hamas sia contro la politica  di al-Fath in Cisgiordania, dimostrando la assoluta veridicità del suo impegno a favore dei diritti umani e smentendo quanti sostennero che si trattasse più semplicemente di un antisionista militante. Un uomo che ha vacillato come è naturale che sia, dinanzi allo sgomento che può provarsi quando gli attori internazionali che dovrebbero recitare delle parti, ne recitano altre, come egli stesso scriveva, facendo trasparire anche un velo di tristezza: “Vi confesso che il mio «restiamo umani» ha vacillato spesso in questi ultimi giorni, ma resiste. Resiste come l’orgoglio, l’attaccamento alla terra natia intesa come identità e diritto all’autodeterminazione della popolazione di Gaza, dai professori di Gaza alla gente incontrata per strada, medici e infermieri, reporter, pescatori, agricoltori, uomini, donne adolescenti, quelli che hanno perso tutto e quelli che non avevano più nulla da perdere, fino all’ultimo fiato in gola mi esprimono l’inshallah di una vittoria vicina, il sincero convincimento che le loro radici raggiungono profondità tali da non poter essere recise da alcun bulldozer nemico.” Il premio Nobel per la Pace è stato consegnato a tanti, tantissimi protagonisti della nostra storia contemporanea di cui si potrebbe discutere per giorni. Due su tutti, Barack Obama e l’Europa. Senza scendere troppo nei dettagli che sposterebbero troppo il focus della questione, verrebbe da suggerire come siano i personaggi come Arrigoni che nella realtà dei fatti abbiano cercato, fino alla morte, di raccontare le condizioni umane delle popolazioni inerme e spingere con tutte le forze gli enti sovranazionali a far sì che le condizioni per una reale pace duratura venissero messi in essere. Verrebbe da chiedersi, inoltre, se non è anche questo un caso in cui “le piccole mani muovono le ruote del mondo”, smascherando la nudità e la complicità delle mani dei giganti. Vittorio Arrigoni è morto, ucciso da un gruppo terrorista dichiaratosi vicino all’area jihadista salafita. In molti hanno fatto dell’ironia sul fatto che egli sia stato ucciso dalle popolazioni che stava cercando di difendere, altri dubitano persino che la mano dell’assassino di Arrigoni sia quella che si è dichiarata tale. Ma queste sono paradossalmente piccolezze rispetto all’opera di sensibilizzazione che il nostro ha fatto, soprattutto in Italia, rendendoci tutti un po’ più consapevoli e responsabili, testimoniando con l’esempio che è veramente possibile sconvolgere l’opinione pubblica con il semplice utilizzo di una videocamera, di una fotocamera e di un mezzo per scrivere. Restare umani in un panorama mondiale che va in tutta altra direzione è un appello più forte di quanto debolmente potrebbe apparire, significa anzitutto mettersi in gioco per l’umanità, sentendo nel profondo la domanda di riconoscimento dei drammi altrui, significa cancellare se stesso e mettersi a disposizione della storia, donandosi completamente ad una causa. Significa a volte perdere la vita. Restare umani non è come sembrerebbe una espressione esasperatamente buonista, significa fare un bagno nella tragedia e cercare di restare in piedi. Non è facile essere umani, Vittorio Arrigoni ci è riuscito.

2 pezzi PVC PIOGGIA OUTFIT TAGLIA UNICA VARI ColoreeeI

1 Settembre 2014 – TWINS bgvl - 3 Guantoni da scatolae arancione

Bambini MONTALA Gilet Elsa in tre Coloreeei e dimensioni molti

CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti

Anita Air Control deltapad Sport Reggiseno maximum support traspirante permeabili tutti'aria

#Yemen #Aden #AlHouthi #AlHudayda #Ansarullah #USA #SaudiArabia

Fonti della sicurezza in Yemen hanno rivelato giorni fa che quattro aerei cargo americani carichi di armi per le milizie filo-saudite sono atterrati ad Aden.

 

“Quattro aerei da trasporto C-130 con a bordo una grande quantità di armi e munizioni sono atterrati all’aeroporto di Aden nel sud dello Yemen”, hanno riferito fonti della sicurezza.

Gli aerei americani sono atterrati tra strette misure di sicurezza con i caccia e gli elicotteri dell’Arabia Saudita che sorvolavano l’aeroporto di Aden per garantire l’atterraggio sicuro degli aerei cargo americani. Le armi saranno probabilmente utilizzate per l’occupazione dello strategico porto yemenita di al-Hudayda, sul Mar Rosso.

Il capo del Consiglio supremo dello Yemen, Saleh al-Sammad ha sottolineato che Washington e Londra stanno sostenendo il regime di Riyadh nei suoi crimini contro i civili yemeniti. Il funzionario ha sottolineato che il popolo yemenita è pienamente preparato a sacrificare la propria vita per preservare la libertà, la dignità e l’indipendenza.

La presenza di Riyadh in Yemen è al servizio degli interessi di Tel Aviv”, ha dichiarato giorni fa il leader Ansarullah, Sayyed Abdul-Malik al-Houthi.

A spingere per un maggior impegno Usa in Yemen, dinanzi all’incapacità mostrata da Riyadh e dai suoi alleati di prendere il controllo di quel Paese, c’è il fatto che dagli Stretti di Bab al-Mandeb transitano giornalmente circa 4,5 ml di barili di petrolio proprio dinanzi al porto controllato dalla Resistenza. Se a questo si aggiunge il fatto che lo Stretto di Hormuz, all’imbocco del Golfo Persico, è controllato dall’Iran, si spiega la molla che può portare a un maggior impegno Usa in Yemen.

dalla Redazione di “Il Faro Sul Mondo”

18 Aprile 2017 – Equisafety Charlotte Dujardin Mercurio Giacca Zip Impermeabile Riflettore

CASCO strada BICI INFERNO MET 9cea1ebop81114-Caschetti

Equestrian Horse Riding Girls Helmet tutti purpose VG1 01.040 Design viola rosa
Caldene EDE Donna Equitazione Equestre a uomoiche Lunghe mezza Zip Top Nessun risultato trovato sul glossario

ADIDAS MESSI 16+ pureagility FG oro Nero Sautope da Uomo ba9821
ADIDAS X 16.1 SG Sautope Uomo Sautope Da Calcio Blu rosa Bianco bb5739